Hooo-hoo-ho..liday!!(Vi spiego il mio natale)- Le borse di Elisa, Inverno 2016/17

Ladies and Gentlemen!
Chi mi conosce abbastanza bene, sa quanto ami il natale, in tutte le sue forme.

Per cui, lasciatevi incantare dalle luci, dalle decorazioni, dai profumi dei dolci tipici che invadono pasticcerie e strade; lasciate che lo spirito natalizio vi guidi fino a qui, che la gioia delle feste vi inglobi per non perdere neanche un particolare di questa meravigliosa collezione. Questa collezione si ispira agli elementi tipici, ai frammenti di cultura popolare che fanno parte di questo breve, ma intenso, periodo.

Si ispira al mio concetto di Natale, ai miei must, gli immancabili, gli indispensabili per dare il giusto nome a questa festa.

Inoltre, Hooo-hoo-ho..liday!! é un inno alle festività invernali, ai loro colori forti e avvolgenti, alle luci, anche le più piccole sparse ovunque, a cui proprio non riusciamo a fare a meno, riuscendo sempre a rimanere chic e mai volgari.
LOVE ACTUALLY

loveactually2

Love actually o l’amore davvero, 2003, commedia corale natalizia che racconta vicissitudini amorose in tutto il mondo e per tutti i gusti. Immancabile visione ogni qual volta io senta che è giunto il momento di lasciarsi incantare da luci e lucine varie e dalle storie d’amore a tratti melense (deleterie per la mia acuta sensibilità), un periodo che varia dal primo giorno di novembre fino al dodici gennaio. Ogni volta che lo riguardo negli anni mi accorgo e noto tutti i cameo possibili (fan di Games of Thrones è inutile che vi parli del nostro caro Jojien ovvero Thomas Brodie-Sangret, perché non riesce a dimostrare la sua età effettiva in nessun caso e ripeto, voglio il suo elisir di giovinezza), tra cui Alan Rickman e Emma Thompson (potterhead sto parlando con voi!), il meraviglioso Colin Firth oppure l’inimitabile Liam Neeson. No, non mi sto dimenticando di Hugh Grant o Kiera Knightley, soltanto che la lista di attori formidabili è così lunga che non è facile trovare spazio per tutti!

Questo famoso film natalizio sa ricordarci una cosa su tutte: l’amore è nell’aria, ci circonda, ci avvolge come un morbido velluto rosso e ci fa brillare grazie ai suoi preziosi glitter. Come si può resistere a una forza così potente?

Spoiler: non si può.

THE NUTCRACKER OP 71



Ho sempre avuto un legame speciale con lo Schiaccianoci, seppur incosapevolmente. Adoravo la danza dei funghetti guardando Fantasia 2000, affascinata dal ritmo incalzante e allegro. Poi ho iniziato a studiare musica e ad ascoltare con più voracità la musica classica, e l’amore verso il balletto si è sempre di più intesificato, passando per le varie trasposizioni cinematrografiche tra cui non può mancare una menzione d’onore a Barbie Schiaccianoci, per quanto incorrettamente sia rappresentata la storia. Sono arrivata perfino a leggere un libro sui balletti, racconti ne Il lago dei cigni e altre storie dai balletti, preferendo lo Schiaccianoci a tutti, compreso Gisele, Cenerentola oppure l’altisonante Il lago dei Cigni. 

Non ho mai smesso di sognare di poter ammirare la bellezza dal vivo e non attraverso la carta, che per una volta non sapeva rendere giustizia a ciò che veniva raccontato, e finalmente, in quinta liceo tutto questo si é avverato. Ricordo ancora, come nonostante avessi passato più di due ore in piedi sui tacchi alti perché dalla galleria del Teatro alla Scala non riuscivo a vedere nulla, non sentivo alcun dolore e non riuscivo a muovermi da lì, non volendo perdere un singolo istante di quel momento magnifico. É stata una delle serate più belle della mia vita, un ricordo indelebile che non manca di tormentarmi e di farmi desiderare di riviverlo, sopratutto in questo periodo che sembra quasi rincodurmi per inerzia verso tutto ciò che appartiene al balletto russo.

Quando il gelo dell’inverno e le preoccupazioni imminenti ci sovrastano, abbiamo il diritto di credere anche noi che la sera di Natale possiamo non solo evitare l’ennesimo battibecco in famiglia, ma salvare il principe schiaccianoci dal suo crudele destino.

E chissà, magari ci inviterà nel paese dei dolciumi e potremmo incontrare la famosa fata confetto. Possiamo presentarci impreparate? Certo che no: ecco un tripudio di glitter del colore del cielo stellato e luminoso velluto, profondo come le lunghe notti d’inverno, nel formato che più ci appartiene.

BLUE CHRISTMAS

unspecified3
Quando voglio, so essere originale.

Se penso a una canzone insolita che chiami a sé tutto lo spirito natalizio, la parte un più nostalgica ma pur sempre meravigliosa pensa a Blue Christmas, canzone natalizia cantata in originale da Elvis Presley, dai toni rock e meno squillanti rispetto alle altre, ma entrata fin da subito nelle classifiche delle canzoni più ascoltate durante il periodo delle festivitàinvernali. Se siete stanchi di Micheal Bublé e compagnia bella, sopratutto se è un mese che riascoltate i vecchi album di natale che avete in casa e state cercando l’innovazione senza cedere a strane diavolerie moderne, é l’album che fa per voi. E la borsa che fa per voi, che si ispira perfettamente a questo mood.

Raffinata e ricercata, ma con semplicità. Una voce fuori dal coro, ma perfettamente in armonia con l’ambiente circostante. Indispensabile e immancabile per completare l’outift perfetto per la serata più luminosa dell’anno. Senza di lei al vostro fianco, niente sarà lo stesso.

La mini collezione che vi ho appena presentato, uscirà la settimana prossima nell’e-commerce di Le borse di Elisa, con le adeguate specifiche del caso. Stay tuned!

A presto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...