Glee- 2 years later

Ladies and Gentlemen!

Oggi vorrei iniziare questo articolo con un piccolo video, per impostare la giusta atmosfera.

É strano come solo un video, solo una canzone, riesca a farti venire il magone dalla primo fotogramma, dalla prima nota. É strano come un solo telefilm abbia fatto tanto, rappresentato tutto. Ed é ancora più strano, ricordarsi che gli addii esistono, ma non sono la fine.


Ci sono due sempre stati due tipologie di telefilm per me: i mangiatempo, che ti riuscchiano l’anima tramite intrighi, rompicapo, tenendoti incollata allo schemo per tutta la loro durata senza farti mai annoiare e poi ci sono i rubacuore, telefilm spesso più leggeri all’apparenza, che virano molto facilmente nel trash, ma a cui ti affezioni, con cui cresci, in cui ti immedesi; per quanto la trama possa infittirsi nell’assurdo, non riesci a farne a meno.

Se i mangiatempo possono essere tanti, i rubacuore sono rari e preziosi.


Glee é stato il mio primo rubacuore consapevole, il mio più grande orgoglio e guilty pleasure. Ho scelto di parlarne proprio oggi, a tre anni esatti dall’ultimo episodio, per commemorare il telefilm della mia adolecenza, il primo ad avermi fatto piangere, ridere, sclerare con tanto di poemi su facebook ( che ho nascosto nei miei ricordi, impedendone la visione a un publbico sensibile); il primo per cui ho rinunciato ai sottotitoli, impaziente di vedere la puntata appena uscita e il primo per cui rimanevo sveglia fino alle tre di notte per poterlo guardare in diretta.

Non é poco, assolutamente. Anche la parte della diretta, che a molti potrà sembrare una sciocchezza o una piccolezza, ma per una ragazzina di 15/16 anni, rimanere sveglia fino a tardi oppure svegliarsi appena in tempo per poter seguire in contemporanea con l’america il suo telefilm preferito e andare a scuola il giorno dopo, era un sacrificio, uno sforzo enorme. Certo, solitamente sceglievo i giorni in cui entravo tardi, oppure sceglievo una puntata che sapevo mi avrebbe interessata più delle altre, come i finali di stagione. L’emozione e l’adrenalina alle stelle, i link che non funzionano all’ultimo minuto, le pubblicitá americane inutili e irritanti: amavo fare le dirette e questo doveva già far sospettare che sarei diventata una telefilm addicted in poco tempo. Posso affermare di aver iniziato anche altre serie tv per evitare di fare troppi rewatch delle puntate di Glee durante le pause.


Glee é molto più di un telefilm musical, con protagonista un coro della scuola: Glee parla di accetazione di se stessi, di diversità, di bullismo, di sogni e speranze, di sacrifici e sforzi.


Loser é diventata una parola forte, carica di energia positiva e non di disprezzo, da quanto ho visto questo telefilm. So tutti i testi delle canzoni a memoria, citazioni in italiano e inglese, dialoghi interi recitate con le stesse pause. I miei amici mi hanno odiata per molto tempo, ogni volta che ascotavamo il mio ipod, pieno solo delle cover del cast.


Nonostante abbia perso moltissima verve nel corso delle ultime due stagioni, dettata anche da perdite importanti nel cast e da intrecci sconclusionati per cercare di risarnare una ferita impossibile da rimarginare.

Mi rivedo in piccola parte in quasi tutti i personaggi: posso essere una diva capricciosa come Rachel Berry, affamata di applausi e sempre competitiva, ma anche determinata ad inseguire i propri sogni; posso essere come Mercedes Jones, testarda e combattiva, decisa a non farsi mettere i piedi in testa e consapevole del suo valore; posso essere Kurt Hummel, nelle sue insicurezze, nelle sue paure e nella sua apparente durezza, che nasconde un animo dolce oppure Finn Hudson, altruista, sincero e coraggioso;posso avere l’energia di Santana Lopez e l’ingenuitá di Brittany Pierce;posso avere la determinazione di Quinn Fabray, la sua forza d’animo; posso avere la tenacia di Artie Adamso la capacità di amare in modo incondizionato e totale di Blaine Anderson e Sue Sylvester.


Vorrei poter dire di essere davvero in parte Sue Sylvester, ma quello é un onore che spetta a pochi eletti.

Glee mi ha fatto crescere. Nonostante tutto, é una parte di me ed é una parte di me a cui non potrò rinunciare o rinnegare. Ho stretto amicizie importanti, ho conosciuto persone meravigliose grazie a questo telefilm. Ho iniziato a seguire artisti fantastici nelle loro promettenti carriere. Ma so benissimo che ora, livelli di insesatezza comune alle ultime due stagioni di Glee non li sopporterei più ( es: Teen Wolf).

Consiglio questo telefilm a chiunque sia appassionato di musica, di qualsiasi genere e a chiunque abbia un sogno irrealizzabile, che manca solo di fiducia in se stessi, di autostima. Non sará un capolavoro telefilmico, ma sa dare molto di più di altri telefilm per adolescenti ora nei circuiti e nelle emittenti televisive.


Avete anche voi un telefilm che vi ha rubato il cuore, un telefilm per cui provate le stesse sensazioni che sento io a riguardare un episodio di Glee? Scrivetelo nei commenti!
A presto

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Alis ha detto:

    Questo post mi è piaciuto un sacco, dall’inizio alla fine, complimenti davvero perché dalla prima all’ultima parola traspariva davvero la tua passione per questo telefilm. Ovviamente mi è venuta un po di nostalgia e quasi quasi anche la voglia di rivedermi qualche puntata, che per te sarà una cosa brutta ma io non sono quella che si guarda le serie intere dall’inizio alla fine 😂😂😂

    Mi piace

    1. bebibi ha detto:

      Sono molto contenta che la mia passione ed emozione (non ho pianto scrivendo questo articolo ma ero molto vicina alle lacrime), sia riuscita ad emergere. La nostaglia, in questo caso é una cosa bella! Tranquilla, non tutte le serie hanno l’onore di essere viste per intero e più volte come Glee 😂😂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...