Un mese da telefilm addicted: Marzo 2017

Ladies and Gentlemen!
Ben ritrovati all’appuntamento con le mie visioni telefilmiche mensili. Vi troverete davanti grandi scoperte, grandi delusioni e meravigliosi ritorni, una nuova divisione per ordinare meglio le mie recensioni. Cominciamo!
Meravigliosi ritorni

Empire (in corso, episodio 3×11): 5/5


Attendevo da troppo tempo il ritorno delle vicende della casa discografica più black di tutta la tv. Mi sono innamorata di questo telefilm l’anno scorso e non l’ho più abbandonato: cast eccezionale con performance dirompenti ( per chi ha visto le ultime puntate, può essere inteso anche nel vero senso della parola), esibizioni canore fantastiche e mai scontate che riescono a produrre album reali che sono nelle mie top playlist di Spotify, trama avvicente, piena di intrighi, che intreccia la violenza dei quartieri più bassi al lusso della popolarità. I Lyon vi conquisteranno in tutta la loro potenza, nella loro classe e ineguagliabile bellezza. 
Vi lascio questa canzone estratta dalla prima stagione per farvi capire meglio di cosa parlo.

Jane the Virgin (in corso, episodio 3×15): 5/5


Certezze e conferme: solo con Jane the Virgin sono sicura di poter vedere un telefilm senza essere mai delusa. A parte dalla programmazione, contando che la prossima puntata la potrò vedere dal 24 aprile. Twitterò nel frattempo le mie lamentele alla CW, come una vera Rogelio fans.
Grandi delusioni



Wynonona Earp (non finita, episodio 1×04): 2,5/5
Mi aspettavo moltissimo da questa serie tv, pe quanto ne avevo sentito parlare bene. Trama ben pensata in apparenza, ma personaggi abbastanza mediocri con risvolti scontati ed effetti speciali più osceni della prima stagione di Teen Wolf. Sì, parlo sopratutto di Wynonona, perché Waverly giá mi piacicchiava di più. Forse, se avrò tempo, potrei concedergli un’altra chance, ma per ora la boccio in tronco.
Grandi scoperte 
Suits( non finita, episodio 2×16): 5/5


Dopo consigli ed esortazioni da tutte le parti, mi sono decisa a guardare anche io Suits, sapendo bene che i drammi legali non sono proprio il mio forte e che mi stanco subito di Law & Order e simili. Non so bene come sia successo, ma nel giro di mezz’ora chiunque in famiglia ha smesso di fare le solite faccende domenicali e si é bloccato a guardare il telefilm con me. Da allora, ogni sera, più o meno, ci siamo messi a guardare un episodio, arrivando fino alla seconda stagione. Conto che per l’inizio dell’estate saremo in pari, o almeno, ci spero.

Harvey Specter é il miglior mediatore di tutta New York, e lui lo sa; lavora nel prestigioso studio Pearson e Hardman e sta per diventare socio Senior. Mike Ross é un genio, avvocato mancato, che per raccimolare soldi fa consegne a domicilio e viene pagato da studenti e assistenti legali per fare l’esame di avvocato al posto loro, ma nessuno dei due lavori paga in modo adeguato. Quando il sul migliore amico Trevor, gli propone di eseguire una grossa ( e pericolosa) consegna di marjuana al posto suo, le strade dei due uomini si incontrano e niente sará come prima.
Mi piace come é struttarata tutta la serie, come i personaggi evolvono attorno ad essa, mostrandosi più vulnerabili e crescendo ad ogni puntata, vincendo e perdendo, facendomi rimanere incollata allo schermo. Per non parlare della mia cotta per Gabriel Match, aka Harvey Specter, che é sempre un piacere guardare sullo schermo. 


Vi ho convinto vero? 

Riverdale
(in corso, episodio 1×08): 4/5


Tra pareri positivi e negativi, mi sono decisa ad iniziare un nuovo teen drama aspettando il ritorno di PLL. Per tutti ache lo definiscono una copia, si sbagliato di grosso. Certo é un teen drama ambientato in una piccola cittadina, segnato dalla scoparsa del ragazzo più popolare della scuola, ma non ha nessun gruppo di amiche perseguitate, solo un bel mistero da risolvere. Tra drammi, segreti e inaspettate serpi, Rivedale mi ha colpito dal primo episodio. Sono curiosa di sapere come si evolverà la vicenda e spero che si riducano in cliché o passi fassi.

Iron fist
( aspettando la seconda serie The Defenders, episodio 1×13): 4/5

Il ritorno inaspettato di Danny Rand, scomparso 15 anni prima con i suoi genitori in un incidente aereo sull’ Himalaia, deciso a combattere la Mano e a riprendersi l’impero di famiglia. Non necessariamente in quest’ordine.

Inizio con il botto, incongruenze qua e la, ma comunque bellissimo, molto marvel nel lato divertente e nella struttura del personaggio. Non avevo particolari aspettative su questo telefilm che si é rivelato un piccolo capolavoro Marvel

A presto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...