Skincare routine: esfolianti (parte 1)

Ladies and Genltlemen! Ben ritrovati sul blog!

Il sole cocente, la voglia di andare al mare e abbronzarsi…sono sensazioni che fanno parte di noi, insieme alla comune frustazione che no, non si può, perché si deve lavorare o studiare. O fare entrambi. Cosa possiamo fare per rimediare a questo sentimento davvero antipatico? Preparare la nostra pelle agli effetti benefici del sole in modo graduale e sano, partendo da una buona esfoliazione, per eliminare le cellule morte e garantire un’abbronzatura uniforme su tutto il corpo.

Partiamo dalle basi: ci sono due tipologie di esfolianti, ovvero gli esfolianti fisici o gli esfolianti chimici.

Gli esfolianti fisici sfruttano la componente meccanica presente nei loro ingredienti per favorire il turn over cellulare, mentre gli esfolianti chimici, lo dice il nome, sfruttano i componenti chimici per eliminare le cellule morte e ridare elasticitá alla pelle, attraverso la rottura dei legami tra cellule presenti in superficie. Vi chiederete, quale dei due é il migliore? Io dico nessuno: si ottengono risultati differenti, sono adatti a tipologie differrenti di pelle e a stagioni diverse.

 

Vorrei iniziare con il parlarvi degli esfolianti fisici, che sfruttano l’azione meccanica per esfoliare la pelle, e lo fanno attraverso ingredienti diversi: zucchero, sale, particelle di caolino e molto altro. Li possiamo trovare sotto forma di scrub, in mille versioni.

Ma quale scegliere per il miglior risultato? Inanzitutto, dividere il corpo dal viso.

La pelle del nostro viso ha esigenze molto diverse dalla pelle del nostro corpo! Esempio pratico: come ben sapete, ho una pelle mista a tendenza grassa su alcune zone del viso, che si alterna a zone secche, inoltre, è abbastanza sensibile; la pelle del mio corpo invece è secca, ma non indenne dal formarsi di brufoli, punti neri e peli incarniti. Passiamo quindi ai consigli più pratici, per entrambe le zone:

 

 flacone-_-scatola_1024x1024

  • Viso: sono molto esigente in fatto di scrub viso. Non voglio che sia ne troppo aggressivo, ne troppo delicato, per via della composizione della mia pelle. Nonostante questo, non mi piace creare piccole ricette Diy perché non ho trovato nei miei esperimenti e ricerche, qualcosa che mi convinca al 100 %. Volete dei nomi? Ho amato molto il peeling enzimatico di My alkemy, sia per il fatto che posso utilizzarlo come maschera sia per la luminosità che dava alla mia pelle (ve ne ho parlato qui) e lo scorso anno mi sono sbizzarrita con gli detergenti viso solidi di Lush, tra cui Herbalism, che effettuavano una leggera escoriazione giornaliera da completare poi con una maschera illuminante e scrubbante(Don’t look at me, Settimo Cielo).

img_0816

  • Corpo: non ho ancora trovato la mia stabilità con gli scrub corpo (o non voglio ammettere che il solo che mi piace è Atollo 13 di Lush), e quindi, non avendo particolari richieste se non quelle di eliminare energicamente cellule morte e peli incarniti, mi sono dedicata al Diy/spignatto.

Qui sotto riporterò le mie due ricette del periodo, contenenti entrambi il caffè, per via delle sue proprietà energizzanti e anticelllite ( ma anche per la quantità di caffè che sto ingerendo in questo periodo che mi spinge a non buttare i fondi).

Scrub al caffè

19021742_10209236671853737_2083600713_n

Ingredienti:

  • Fondi di caffè(io nella mia ciotola ne ho messi 3, due presi dalla moka per una persona e l’ultimo dalla moka per due persone! Solitamente utilizzo solo due fondi di caffè dalla moka per due);
  • 1 cucchiaio di sale grosso;
  • 1 cucchiaio di olio di cocco(La dose, anche qui è molto soggettiva, dipende dalla vostra pelle e dall’effetto che volete ottenere.

 

Mescolate fino ad ottenere un composto compatto, premurandovi di incorporare bene e amalgamare tutti gli ingredienti. Se avete una pelle delicata e molto secca, applicatelo sulla pelle bagnata e rimuovetelo con movimenti circolari, mentre se volete ottenere un effetto più drenante ed energizzante, applicatelo nel medesimo modo sulla pelle asciutta.

 

Scrub allo zucchero, sale e caffè

 

19021947_10209236660973465_916988771_n.jpg

 

Ingredienti:

 

  • 2 cucchiai di zucchero di canna;
  • 2 cucchiai di sale marino;
  • 3 cucchiaini di miele
  • Olio extravergine di oliva q.b
  • Mezzo fondo di caffè

 

Mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo. Se avete una pelle delicata e molto secca, applicatelo sulla pelle bagnata e rimuovetelo con movimenti circolari, mentre se volete ottenere un effetto più drenante ed energizzante, applicatelo nel medesimo modo sulla pelle asciutta.

 

NB: L’aggiunta del caffè in questa ultima ricetta va a gusto personale.

 

La prima parte dei miei consigli per una skincare routine finisce qui, la prossima volta vi parlerò nel dettaglio degli esfolianti chimici.

 

A presto!

 

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...